Lunedì 13 giugno, presso il Museo Civico della Laguna Sud, a Chioggia, nell’ambito del “Progetto Tegnùe Follow – Up”, sì è svolta la prima conferenza dal tema: “Tegnùe: profilo di immersione per Specialty Diver”.

Oltre 30 ragazzi hanno partecipato, incuriositi dal tema, che mira a dimostrare come il subacqueo che si immerge nell’Area delle Tegnùe deve, necessariamente, possedere una completa e varia specializzazione. Questo, soprattutto, in funzione delle caratteristiche morfologiche delle Tegnùe e della loro fragilità ambientale. E stata anche l’occasione per promuovere la partecipazione al corso subacqueo di Primo livello, volto a tutti coloro che si accostano per la prima volta a questo sport.

Inoltre sono stati proposti diversi corsi di specialità, quali: DEEP (immersione profonda), NOTTURNA, ORIENTAMENTO, MUTA STAGNA, RESCUE, BLS e NITROX. Queste Specialty Diver, come perfettamente enunciato dai relatori nella serata di lunedì 13 giugno, completano l’addestramento dei subacquei, andando a “costruire” quella nuova figura che, a tutti gli effetti, è anche uno dei fili conduttori del workshop sulle Tegnùe organizzato a Chioggia: il SUBACQUEO CONSAPEVOLE.

Tutti i corsi, sono gratuiti, finanziati nell’ambito del  “Progetto Tegnùe Follow – Up” a valere sulla Legge Regionale 15/2007.

Le numerose domande poste alla conclusione della conferenza dalla platea di giovani dimostrano come, con soddisfazione dell’Amministrazione Comunale e degli organizzatori, il tema delle Tegnùe e della subacquea, sia ben radicato nei giovani.

Sono già oltre una decina i partecipanti che hanno già inviato mail per approfondire l’iniziativa dei corsi.

Seguiteci nei prossimi appuntamenti.

Parafrasando un frase di Kennedy: “Non chiediamoci  cosa le Tegnùe possono regalare a noi subacquei, ma cosa noi subacquei possiamo regalare e fare per le Tegnùe”.